Vedere in faccia la verità … Sono innocente

20 Mar Vedere in faccia la verità … Sono innocente

E’ sempre stata una mia prerogativa, guardare in faccia la verità e garantisco che a volte ci possono volere anni per trovarla, per vederla …

Il punto è che più passa il tempo e più comprendi che forse questa tua prerogativa sembra quasi assopirsi. La mia vicenda è quanto mai romanzesca ma purtroppo vera e che dura da ben 9 anni se arriverà il 6 novembre p.v.  Il mio è un saloncino che vende automobili multi marca ai propri clienti e da diversi anni … Anche quella mattina, come sempre, sono in ufficio e le mie collaboratrici dedite nello svolgimento delle loro pratiche sia contabili che di front office … entrano due auto nel piazzale e da li iniziano tutti i nostri problemi … non sto a spiegare nei dettagli ciò che accade, so che da quel momento inizia la fine di tutto … i militari della GdF raccolgono documenti e svolgono i loro controlli. Passeranno 2 anni e nel giugno del 2008 veniamo chiamati in caserma a firmare un verbale di accertamento.
Nel novembre dello stesso anno arriva un plico da ag entrate che ci intima di pagare entro pochi giorni la bellezza di quasi 8 MILIONI di euro … Da quel momento diventiamo ostaggi del fisco e di gente che ci tratterà come feccia umana. All’inizio sento che morirò che non ce la farò, tanto da  tentare anche di farla finita, scoprendo, mentre sono in piedi sul guardrail di un viadotto profondo  200 m.  e pronto al lancio, appare davanti ai miei occhi il viso dei miei figli che mi sorridono e da li, disperato, scendo dalla morte e rimango non so quante ore piangente, seduto a terra davanti alla mia auto. Quando ritrovo la forza di salire e tornare a casa mi accorgo che forse da innocente quale sono, mi conviene pensare a fare la “guerra” e combattere  questo sporco sistema.

Comincio ad informarmi ovunque e su tutto, conosco tanta gente,  poche le persone serie che comunque bastano per iniziare un percorso che non sto ad elencare (ci vorrebbero giorni per spiegare), fino a quando tra processi tributari, penali e via dicendo, disagi di ogni tipo economici, l’azienda che deve chiudere io che devo essere preso in cura da un Centro Salute mentale con a tutt’oggi alle spalle oltre 50 sedute e diagnosi spaventose ecc ecc, …
Conosco una dott.a ex intendenza di finanza, e una avvocatessa, che mi raccontano molte cose importanti riguardo  pseudo funzionari di ag entrate e i loro metodi persecutori e senza avere, per altro, nessuna voce in capitolo essendo li ad occupare posti di lavoro senza aver effettuato il concorso di stato che permetterebbe loro di operare, stangando, e solo per raggiungere i loro obbiettivi, le famiglie, aziende, persone.

Passa il tempo e ciò che mi hanno detto si trasforma in sentenze, prima il Tar del Lazio, la Corte di Cassazione di Messina, poi il Consiglio di Stato e fino alla sentenza di pochi giorni fa della Corte Costituzionale che mette la parola fine ai falsi dirigenti e alle loro abitudini persecutorie verso tanti innocenti.

Non auguro a nessuno questo calvario, so che sono un’altra persona, so che la mia vita ha un buco di 9 anni di vessazioni, stenti, che hanno purtroppo colpito anche la mia famiglia rea di avere un papà e un marito invischiato in una storia falsa, scritta da persone false che avranno sulla coscienza (se ce l’hanno) tanti morti, tanti psico lesi, tanti danni per lo stato ecc.

Il mio desiderio è quello di ringraziare tutte le persone che  mi vogliono bene, che mi sono state vicine, per privacy non faccio i nomi, loro sanno, e un particolare abbraccio a Simonetta Lein che ha studiato a fondo questa vicenda, fin nei dettagli e che ha sempre creduto in me. Il mio desiderio è che ciò che ho vissuto non abbia da accadere più e che venga fatta giustizia contro persone che non riesco nemmeno ad odiare. Il mio desiderio è di poter rivedere un bel sorriso dei miei familiari, dei miei figli che per colpa mia hanno dovuto subire, nei loro più bei anni di vita, un torto trasversale e chiedendomi spesso con gli occhi colmi di lacrime: papà speriamo di vederti felice, … non sapendo che mi hanno salvato la vita da quello strapiombo, apparendomi mentre stavo prendendo la decisione più sbagliata della mia vita, e con i loro bei visi puliti e bianchi come il latte …

Voglio solo dire che quando si sa di essere innocenti si deve combattere sempre fino in fondo non solo per se stessi, ma soprattutto per chi ami … Grazie Simonetta e per sempre The Secret.

Stefano Nucida #DESIDERIAMO

4 Comments
  • Protea, Associazione per la tutela dei diritti umani, Italia
    Posted at 09:17h, 20 March Reply

    Carissimo Stefano
    Grazie di cuore per aver condiviso con noi la sua dolorosa storia.
    E’ terribile sentirsi accusato di qualcosa che non hai commesso e soprattutto da persone che non dovremmo temere, ma semmai sono rappresentanti di quelle istituzioni che dovrebbero garantire ordine, legalità ed equità.
    Quando sono enti ed organi istituzionali ad essere i persecutori, immagino il senso di smarrimento e di devastazione.
    Simonetta, senza violare la sua privacy, mi ha accennato alla sua storia ed alla sua soddisfazione, se pur a seguito di troppe ed ingiuste sofferenze, dell’arrivo alla verità.
    L’esperienza dolorosa, di cui forse non sarà mai risarcito, le ha fatto incontrare persone che hanno creduto in lei e che hanno battagliato per trovare giustizia e ci accoriamo al suo ringraziamento.
    Ciò di cui la ringrazio tantissimo, caro Stefano, è di aver condiviso soprattutto il messaggio per cui di fronte alla propria innocenza, anche quando sembra tutto finito per sempre, anche quando le forze ci abbandonano ed il coraggio per se’ è esaurito, pensando ai propri cari, sia necessario non mollare mai.
    Senza sminuire tutto il dolore e la sofferenza a cui lei è andato incontro e che ha dovuto ingiustamente affrontare, credo il messaggio più importante sia di non abbandonare la speranza e di continuare a lottare per la verità.
    Un grande incoraggiamento da tutti noi per il suo futuro, se pur in salita, ma almeno con la certezza di essersi visto riconoscere la sua innocenza e la sua verità, insieme alla verità di molti.
    Grazie e tanti auguri a lei ed alla sua famiglia
    Sara di Protea per Desideriamo.it

    • Stefano
      Posted at 19:45h, 20 March Reply

      Grazie Sara, anche questi messaggi incoraggiano ad andare avanti e a capire che non siamo circondati solo da arroganti, ma di persone che come lei generano serenità. Saluti. Stefano

  • Sarah Z
    Posted at 10:55h, 21 March Reply

    Cosa si può dire al riguardo? Solo un grazie, un grazie al tuo coraggio. Queste cose dovrebbero essere solo leggende e non succedere mai.

  • Protea, Associazione per la tutela dei diritti umani, Italia
    Posted at 08:27h, 11 May Reply

    Gentilissimo Stefano, come sta?
    Abbiamo saputo che lei è riuscito a realizzare la registrazione della puntata alla trasmissione “La Gabbia” in onda su La7 e ne siamo molto contenti.
    Conosciamo il lungo ed accurato lavoro di Simonetta per un’altra trasmissione molto conosciuta sulla sua situazione e del continuo sostegno che le ha dato per trovare soluzioni successive come la segnalazione stessa alla “Gabbia”, grazie alla quale finalmente sta avendo l’opportunità di esprimere pubblicamente ciò che le è accaduto.
    Le chiediamo, caro Stefano, di condividere questo percorso con Desideriamo.it, che le ha dato la possibilità di far conoscere il suo grave problema e la sua drammatica esperienza e riteniamo che sia importante che la community sappia quanto sia fondamentale avere qualcuno nei momenti drammatici che ci sostiene e si batte per noi, come nel suo caso Simonetta, per non abbandonare la speranza .
    La aspettiamo presto.
    La redazione di Desideriamo.it

Post A Comment

*

Help The Wishwall Foundation to continue its life changing efforts.
Facebook Iconfacebook like buttonYouTube IconTwitter Icontwitter follow buttonCheck Out Our InstagramCheck Out Our Instagram