Il sogno di un’artigiana

07 May Il sogno di un’artigiana

Carissima Simonetta ecco quà il mio desiderio, ma prima ti racconto la mia storia e cercherò di farlo brevemente…
Tutto è iniziato nel 2006 quando ho detto al titolare di un’azienda d’abbigliamento che voleva produrre anche scarpe, una bugia “a fin di bene”.
Sì, quando mi ha chiesto se conoscevo qualcuno che disegnasse scarpe io ho risposto “Ma io, naturalmente “!! Ovvio, non ne avevo mai disegnata una, così ho cominciato a copiare le mie per poter disegnare una linea per l’appuntamento che si sarebbe tenuto da lì ad un mese!
Detto fatto, ma le mie scarpe erano “Troppo particolari” e quindi non se n’è fatto nulla!
Da lì però ho capito che la mia passione repressa per anni dovuta dal fatto che dovevo comunque portare avanti il mio lavoro principale ( sono titolare di un negozio d’abbigliamento).
Durante questi anni ho conosciuto e bussato a non so quante porte dal nord Italia fino al centro.. Un susseguirsi di persone che promettevano di aiutarmi in questo percorso!
A parte forse un calzaturiero sono stati tutti “squali”, approfittatori che illudevano una ragazza piena di aspettative e creatività al solo scopo di rubarmi le idee.
È stato quindi un percorso travagliato e con alti e bassi da parte mia, da un lato ero spinta dal voler esprimere tutte le idee che avevo dall’altra lo schifo per chi mi illudeva.
Mi hanno rubato idee disegni e di conseguenza la fiducia in me stessa.
Ho contiunuato con la tenacia e la caparbietà che ho ereditato dalla mia cara nonna che nella sua vita non ha mai e dico mai mollato di fronte alle mille difficoltà e sempre con dignità!
Ecco la DIGNITÀ quella che ho io e non le persone che ho continuato ad incontrare fino ad oggi! Gente senza scrupolo che ti adesca magari su fb e ti illude di portarti nei piani più alti del mondo perché tu sei geniale e disegni delle scarpe fantastiche! E tu dici “ho un piccolo gruzzolo da parte e me lo voglio giocare perché è vero sono brava, ma ho bisogno di farmi conoscere”! Questa è la Roulette Russa! Fino a ieri ho creduto di averla persa e invece io l’ho vinta! Ho capito che devo camminare da sola e fidarmi delle mie sensazioni e non credere solo perché voglio arrivare! Sì perché IO sono una persona ingenua ma onesta! Allora forza Cinzia non saranno quei 10 20 30 squali che hai incontrato fino ad ora che impediranno al tuo sogno di avverarsi! Ci sono anche la tua famiglia, un marito meraviglioso,un figlio fantastico e amici che hanno sempre creduto in te! Questo direbbe la mia amata Nonna Guglielmina!
E grazie a te Simonetta che mi dai la possibilità di condividere questa esperienza di vita e magari trovare altre persone come me che nonostante tutto sono andate avanti e hanno realizzato i loro sogni!
Cinzia

4 Comments
  • Protea, Associazione per la tutela dei diritti umani, Italia
    Posted at 10:39h, 07 May Reply

    Carissima Cinzia,
    Simo ti stima molto, ma stiamo imparando anche noi tutti della community a stimare innanzitutto il tuo lavoro artistico ed artigianale, frutto di un accurato lavoro di ricerca e della tua vena artistica.
    Ci offri anche però spunti di riflessione importanti:
    Il fare attenzione alle persone che promettono soprattutto quando chiedono un impegno economico importante ed in anticipo ed una facile e rapida soluzione.
    Il continuare a lottare e credere nei propri ideali e soprattutto nelle proprie capacità e non arrendersi anche quando tutto sembra ostile.
    Il ricordare di non essere soli e di lottare accanto alle persone che ci amano e stimano, come la tua famiglia che crede in te.
    Nella nostra community ci sono tanti esempi di talenti nel mondo della musica, nel mondo dello sport, in quello dell’artigianato o nell’editoria in cui la meritocrazia purtroppo non è sempre contemplata come presupposto fondamentale e dove il “furto” delle idee è all’ordine del giorno.
    Mi ricordi molto una mia esperienza personale. Molti anni fa scrissi un progetto di collaborazione tra due Paesi, forse il più bel progetto che io abbia elaborato, con passione e dedizione.
    Arrivò dall’alto chi decise che il coordinamento fosse di qualcun altro e mi fu completamente sottratto, copiato, presentato e approvato.
    Non ne seppi più nulla per un po’, ma poi scoprii che cadde miseramente, perché chi se ne occupò non aveva per niente esperienza nel settore e nemmeno la capacità di attuarlo. Individuava solo il guadagno, ma nell’operatività tutto si esaurì in modo anche triste ed imbarazzante, quando se avessimo collaborato tutti, sarebbe stato un progetto di grande utilità sociale.
    Coraggio, non mollare.
    Un abbraccio
    Il bene genera bene
    #desideriamo

    • Cinzia
      Posted at 22:37h, 07 May Reply

      Grazie! Ho capito tardi, ma “meglio tardi che mai ” che non saranno di certo queste “personcine” a chiudere il mil sogno in un cassetto!!!
      Incrociamo le dita!!
      Cinzia

  • valeria
    Posted at 14:44h, 08 May Reply

    Cinzia sei davvero da ammirare! IL BENE GENERA BENE

  • Cinzia
    Posted at 13:54h, 15 May Reply

    Ciao ragazzi e ragazze! C’è per tutti una possibilità e come dice Valeria IL BENE GENERA BENE!!!!
    Grazie di cuore ad una persona meravigliosa come Simonetta Lein che oltre a questo sito e al suo articolo ha fatto in modo che riaprissi il cassetto dove avevo chiuso il mio sogno!!!!
    Baci,baci,baci!!!!!!!!!!
    Cinzia

    http://trend-dal-mondo-d.blogautore.repubblica.it/2015/05/13/il-sogno-di-unartigiana-by-simonetta-lein-desideriamo-it/

Post A Comment

*

Help The Wishwall Foundation to continue its life changing efforts.
Facebook Iconfacebook like buttonYouTube IconTwitter Icontwitter follow buttonCheck Out Our InstagramCheck Out Our Instagram