Dislessia, diagnosi precoce

04 Oct Dislessia, diagnosi precoce

La Dislessia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA). Con questo termine ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche ed in particolare a: DISLESSIA, DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA E DISCALCULIA.

La principale caratteristica di questa categoria è le sue specificità, ovvero il disturbo interessa uno specifico dominio di abilità (lettura, scrittura, calcolo) lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. Ciò significa che per avere una diagnosi di dislessia, il bambino NON deve presentare: deficit di intelligenza, problemi ambientali o psicologici, deficit sensoriali o neurologici. Tale disturbo è determinato da un’alterazione neurobiologica che caratterizza i DSA (disfunzione nel funzionamento di alcuni gruppi di cellule deputate al riconoscimento delle lettere-parole e il loro significato).

La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. Leggere e scrivere sono considerati atti così semplici e automatici che risulta difficile comprendere la fatica di un bambino dislessico.
Purtroppo in Italia la dislessia è poco conosciuta, benché si calcoli che riguardi il 3-4% della popolazione scolastica (fascia della Scuola Primaria e Ssecondaria di primo grado). La dislessia non è causata da un deficit di intelligenza né da problemi ambientali o psicologici o da deficit sensoriali o neurologici.

Possiamo aiutare i nostri bambini a superare le difficoltà quotidiane, solo se riusciamo a fare una diagnosi precoce.

Aiutiamo le associazioni a richiedere uno screening gratuito dei nostri bambini in terza e/o massimo quarta elementare.  Così aiutiamo i nostri bambini

6 Comments
  • Simonetta Lein
    Posted at 01:24h, 10 October Reply

    Come possiamo fare concretamente per aiutare le associazioni a richiedere uno screening gratuiuto? #desideriamo

    • antonella simonelli
      Posted at 09:45h, 11 October Reply

      buongiorno, la questione importante non è come deve fare un’associazione a richiedere lo screening, ma sensibilizzare la scuola in questa direzione.La fondazione P.A.Mileno che è una onlus da anni si occupa di fare screening gratuiti nelle scuole che ne fanno richiesta.Infatti lo screening è osservativo e in ambito dell’apprendimento non c’è nessuno che possa osservare più di un insegnante. vi invio il nome del sito e il numero di telefono di questa associazione:http://dislessia.fondazionemileno.it. 0837365966. Spero di essere stata utile ma ripeto che la richiesta di fare screening è nelle mani della scuola. se poi ci fossero dei professionisti seri che volessero fare opera pro bono e chiedere alle scuole di poter fare screening ben venga.

      • floriana
        Posted at 09:32h, 31 October Reply

        Grazie mille Antonella Simonelli. Si potrebbe dire che questo desiderio è stato realizzato. ho contattato la Fondazione Mileno, ed ho fatto la mia proposta sul sito del Ministero per una buona scuola. Questi sono i link https://labuonascuola.gov.it/area/m/6432/
        https://labuonascuola.gov.it/area/m/6467/
        grazie per tutte le informazioni

        • Simonetta Lein
          Posted at 10:42h, 31 October Reply

          Floriana!! Raccontaci! Hai realizzato il desiderio? Se sì posta un nuovo desiderio realizzato! he bella notizia!! #desideriamo

        • antonella simonelli
          Posted at 10:55h, 10 November Reply

          non ringraziarmi, ognuno di noi ha qualcosa da donare all’altro. e’ stato un piacere sapere di essere stata utile

  • antonella simonelli
    Posted at 21:00h, 14 October Reply

    IL MIO E-BOOK: GIOCHI DI PAROLE
    BY ROSSELLA GRENCI · AGOSTO 31, 2011

    Ascolta con webReader
    copertina

    Eccomi qui a presentarvi il mio e-Book: Giochi di parole acquistabile su Lulu.com. Il libro, una volta acquistato, è stampabile (formato PDF), in modo che il bambino possa scriverci e giocarci, con la mediazione di un genitore, un terapista o un insegnante.

    Ho raccolto in questo libro il lavoro di tanti anni, svolto insieme ai bambini con disturbo di apprendimento e di linguaggio.

    Come si può leggere dall’introduzione:

    Attraverso i giochi presenti nel testo, si intende aiutare il bambino in generale, in particolare quello che presenta un disturbo di apprendimento e/o un ritardo fonologico, ad avere dimestichezza con le combinazioni di lettere e sillabe che creano le parole, promuovendo la scoperta della dimensione fonologica del linguaggio.

    In modo particolare, le attività si dividono in 2 parti:

    I PARTE

    riconoscere parole in rima e parole fra loro graficamente simili;
    riconoscere parole che cominciano con la stessa sillaba;
    treno di parole, singole e in frase;
    riflettere ed esercitarsi sulla trasformazione di parola attraverso parole che si distinguono per coppie minime.
    II PARTE

    segmentazione in sillaba o fonemi in parole, con inversioni, aggiunte, sottrazioni e cambi;
    aggiunta di una vocale o consonante in diverse parti di parola;
    cambio di vocale iniziale, centrale o finale di parola;
    aggiunta di vocali davanti a parole comincianti per consonante e viceversa;
    parole legate;
    frasi inizianti con la stessa vocale o sillaba;
    filastrocche incentrate su inversioni, dittonghi e trittonghi con relative esercitazioni.
    Si consiglia l’uso di questi giochi a partire dalle scuole elementari (con difficoltà crescente, a seconda della fase di acquisizione della lingua scritta), ma può essere utile anche a ragazzi della scuola media che mostrano un disturbo nell’apprendimento; è possibile utilizzare la I parte e le filastrocche presenti nel libro anche con bambini in età prescolare, ben consapevoli dell’importanza di un training metafonologico nell’ ultimo anno di scuola materna, mediando il testo scritto attraverso un approccio ludico (le immagini che accompagnano il testo possono essere d’aiuto in tal caso).

Post A Comment

*

Help The Wishwall Foundation to continue its life changing efforts.
Facebook Iconfacebook like buttonYouTube IconTwitter Icontwitter follow buttonCheck Out Our InstagramCheck Out Our Instagram